giovedì 14 settembre 2017

NULLA DI PIU' MI E' PERMESSO

Che tristezza la  mia vita senza te. Oggi avresti compiuto 77 anni ma un destino avverso non l'ha permesso ed io piango e mi dispero in questo rimasuglio di inutile vita.
Tante volte impongo alla mente di non tornare al passato ma poi quando una data o una foto o un tuo dire come saetta imprendibile attraversa la mente allora quel proposito di non pensare, che mi impongo  per aver il coraggio  di portare ancora sulle spalle l'ingombrante fardello, va in briciole e con esso l'anima si sfalda in mille rivoli di dolore incurabile. Questo è il tempo di non augurarsi più niente ne per te che altrove in altra forma sei ne per me che come fantasma attraverso il tempo senza più goderne.
Sul taciuto nascondo il volto e rimpiango quel non detto che forse avrebbe gettato una nuova luce sulla sagoma formatasi del nostro insieme. Nonostante tutto però tu sei sempre qui con me perchè ogni scaglia del tuo essere  forma il mosaico di una corazza di cui mi vesto per combattere l'avverso.
Non so se dove tu sei ora puoi avere ricordi ma a me che ancora mi è concesso di averne li tengo stretti sul cuore e come sacerdotessa li pongo sull'altare del tempio dei sentimenti più sublimi poichè
sono gli unici raggi di sole di cui mi imbevo.
In questo impari livello in
cui le nostre anime soggiaciono nulla di più mi è permesso.

lunedì 7 agosto 2017

QUESTO SON IO



 Albero cavo con striminzite protuberanze
escrementi di scarsa linfa vitale
che negano all'essere  speranze e
rendono l'aria intorno,
greve di tristezza,
questo son io
spaurita creatura
che vede da angolo cieco
solamente, arida indifferenza.


























Foto rosa: Clair  Matin

lunedì 24 luglio 2017

Arco fiorito di sogni
e poesia non sei più
che un dagherrotipo
d'immagine svanita
nella breve frazione
del fiorire di una rosa.









syrin

sabato 24 giugno 2017

IL NESSO DELL'ESSERE

Follia mania per l'effimero
che di splendore tinge i giorni
e li fa come tramonti ognuno unico
ed irripetibile di te si nutre l'anima
d'altro nauseata si da parere oggi
rinnovellata  come luna
allo scadere dei suoi  quarti.
Si nasconde per ritrosia altrove
il nesso dell'essere ma brulicante
di idee forti assume aspetto
di mille fogge diverse
e da un significato
profondo come  verità  celate
al momento e alla vita.






















































Foto: Peonia Ibrido Ithosh "BATZELLA"
.






.



giovedì 15 giugno 2017

IL VIAGGIO SIA LIETO

Che ne farò del tempo,
che ne farò del vuoto
se anche l'ultima passione mi ha
già abbandonata ma voi, fate piano,
entrando nel tempio dell'amore
non disturbate la quiete
dettata da quell'ordine di cose.
Il cicaleccio di comari
rimandatelo ad altro luogo,
qui si può solo rimanere stupiti
e lo stupore non a parole
ma solo profondi respiri,
e sensuali arditi sospiri
generati da immagini
mai neppure sognate
Ci sono giorni, ci sono anni
aggruppati a fare
summa del fecondo racconto
dinanzi a cui ora vi trovate.
Siate solo allodole canterine
che fanno l'albe
di note variopinte
e come girovaghe farfalle
del fruscio d'ali
fate contrappunto al canto
che altri intonano e spargono
come cenere al vento
nel magico firmamento.
Il viaggio sia lieto
e fruttuoso di un novello
sapiente pensiero
che vi sia per sempre  compagno.































Foto: Rosa Lady Hillingdon




venerdì 9 giugno 2017

NEL GIOCO DEL CREATO

Tu,
 tremula immagine sull'acqua
destinata, al cader  dell'ombra,
a svanire sei come la vita
una breve proiezione del nulla
in cui  il caduco pensiero indugia
e s' addentra senza trovar risposta
mentre, da occhi di ninfa, una
lacrima come goccia di rugiada
nella ineluttabile metamorfosi
bagna, a lato, la peonia ubertosa.
Così ognuno a suo modo,
entra a far parte,
incoscientemente,
nel gioco  del creato.

















 



























 

























Foto: Rosa American Pillar